I giorni del silenzio – Clifford D. Simak

i giorni del silenzioCome mi succede spesso quando incontro un autore che mi piace particolarmente, dopo anni senza fine ho voluto prendere subito questo ‘I giorni del silenzio’. La fantascienza di Simak non è quella di Star Trek, Asimov o il Cyberpunk: l’aspetto fantascientifico passa quasi in secondo piano: l’autore in realtà sfrutta un pretesto fantastico per andare creare situazioni paradossali, dove l’aspetto umano, il racconto di una paura o di una situazione conta molto di più degli aspetti meramente fisici. E’ quasi come se Simak ci raccontasse la storia vivendola, quindi dando per scontato cose che in altri racconti fantascientifici sono aspetti su cui gli autori si dilungano: le descrizioni delle astronavi o dei viaggi oltre la velocità della luce, per chi li userà, in futuro, saranno parte magari delle abitudini quotidiane, quindi scontate e non degne di interesse.
Molto più interessante è la storia: nel futuro, la terra, dopo un disastro nucleare, è diventata il cimitero dell’universo: gli uomini, che hanno colonizzato la galassia, vogliono per il loro ultimo riposo, ritornare sulla terra. Su questo desiderio, una società monopolista specula sottraendo terreno alle specie rimaste sulla terra: animali, robot e una manciata di uomini. Tutte e tre le categorie si sono adattate alle difficili condizioni creatisi a causa delle radiazioni, ognuno in un modo diverso.
Un giorno, un uomo, dal lontano pianeta Alden, si reca sulla terra per creare una opera d’arte. Lo accompagna un robot, uno degli ultimi creati dalle fabbriche terrestri prima del disastro, che una volta sulla terra si sente di nuovo a casa e Bronco, il robot-artista. I guai iniziano subito: il presidente della società che gestisce il cimitero è diffidente e non intende lasciare che Fletcher Carson da Alden, vaghi libero per il pianeta in cerca di ispirazione per il bronco…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: