Il sospetto – Friedrich Durrenmatt

il sospetto L’ispettore Barlach è malato. A pochi giorni dalla pensione, si trova in ospedale. Per fortuna c’è il medico e grande amico Samuel Hungertobel, che spesso lo passa a trovare perchè sa dell’avversione dell’ispettore per gli ospedali: una mente attiva come quella di Barlach si annoia a causa dell’ozio forzato. Proprio durante un momento di noia, sfogliando una rivista, Samuel sembra riconoscere un collega chirurgo. La stranezza è che quel chirurgo è ufficialmente morto. Si tratta inoltre di un medico che operava prigionieri nei campi di concentramento nazisti, senza anestesia!
A causa delle poco brillanti condizioni fisiche questa volta l’indagine dell’ispettore Barlach non è un puzzle di indizi che viene pian piano a formarsi, ma di cui si vede la figura solo alla fine; è più una serie di fortunose coincidenze che faranno si che la storia .. finisce come deve finire, eccetto che il criminale non verrà assicurato alla giustizia.

“Io rifiuto di fare distinzioni tra i popoli e di parlare di nazioni buone e di nazioni cattive; ma una distinzione tra gli uomini sono costretto a farla”

“Ero convinta che si dovesse amare questo triste coso fatto di pietra e di fango che gira attorno al sole, questa terra; che fosse nostro dovere aiutare l’uomo in nome della ragione, di aiutarlo a uscire dalla miseria e dallo sfruttamento…”

Una Risposta to “Il sospetto – Friedrich Durrenmatt”

  1. cloclo Says:

    Bellissimo libro…ecco cosa è la libertà!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: