Mercurio – Ameliè Nothomb

Ancora una volta la Nothomb mi stupisce per l’originalità della storia, anche se devo dire che aver inserito 2 finali alternativi mi ha un po’ rovinato la lettura.
Un vecchio Capitano rinchiude la sua giovanissima amante Hazel in un castello su un’isola deserta.
La poveretta è, a quanto pare, malata, ma non solo nel fisico: si trova infatti combattuta da un sentimento di amore e riconoscenza, ma anche odio e ribrezzo per il vecchio satiro.
Un infermiera, chiamata dal Capitano, arriva per aiutare la malata e dopo l’iniziale smarrimento dovuto alla situazione tra l’anziano e la giovane donna, cerca di restituire la libertà e la fiducia in se stessa a Hazel.
L’amicizia tra le due donne vincerà sull’egoismo amoroso del Capitano.

vedi anche: Acido solforico

6 Risposte to “Mercurio – Ameliè Nothomb”

  1. giulia Says:

    L’ho letto, ma anch’io sono rimasta perplessa sui due finali…Giulia

  2. irene Says:

    devo dire che ultimamente mi stai battendo con la recensione dei libri. Io sono bloccata con il ciclo di Shannara e anche con lo studio, anzi prima metto lo studio e poi il libro. Accidenti…!!! ciao

  3. architettura&ingegneria Says:

    ciao volevo proporti uno scambio link, io ti ho gia aggiunto alla mia lista amici, spero in una collaborazione, il mio indirizzo è http://architettura-ingegneria.blogspot.com
    mi faresti un grandissimo piacere se oltre al link mettessi nella tua home anche il tasto di accesso diretto al mio sito, puoi trovare il codice html in alto a destra della mia home.
    un saluto alessio

  4. irene Says:

    Bellissime le foto

  5. Libri da ardere - Amélie Nothomb « Scarsamente Tollerante Says:

    […] un libro più recente: Acido Solforico, di cui ho già parlato su questo blog. A breve lessi anche mercurio: la Nothomb mi ha sempre stupito per originalità e il modo con cui in poche righe riesce a creare […]

  6. Teatro Libero Says:

    se siete fan di Amélie Nothomb non perdetevi il nuovo progetto di Corrado d’Elia, MERCURIO a Teatro Libero dal 21 Giugno
    info e preno 02 8323126
    “….quando si ama veramente qualcuno non ci si può impedire di fargli del male”

    QUELLO CHE DOBBIAMO IMMAGINARE …..
    Un vecchio marinaio e una ragazzina, un’isola deserta a picco sul mare di nome Morte Frontiere su cui c’è un castello e una barca che fa avanti e indietro dall’isola all’approdo della terra ferma chiamato Nodo..Un titolo, Mercurio, che è un elemento chimico ma anche un pianeta e soprattutto è un dio alato che con la sua velocità sposta e cambia i termini per comprendere
    Un infermiera ingenua che arriva ogni giorno dalla terraferma, novello Caronte, traghettatore curioso con un piano ben preciso
    QUELLO CHE DOBBIAMO SENTIRE…
    Le corrispondenze e quello che aprono nomi, numeri e personaggi, lasciandoci trasportare in un luogo, la nostra isola, dove le cose non sono mai quelle che sembrano.
    QUELLO CHE DOBBIAMO RISOLVERE…
    Chi è la vittima e chi il carnefice in questa storia?
    Il Capitano è davvero il terribile aguzzino che Hazel descrive?
    Francoise è davvero animata soltanto da un nobile impulso?
    Dove sono i libri di cui si parla tanto?
    Dov’è l’unico specchio che si sa essere nel castello?
    E se tutto questo è un incubo, chi è che sogna e chi è che viene sognato?

    Mercurio può sembrare una favola dark, una storia romantica sull’amore, ma quasi subito ci accorgiamo di avere a che fare con un gioco perverso dove nulla davvero è come appare, un labirinto da cui si può uscire ma nessuno esce mai.
    L’invito è quello di entrare nel gioco e di farne parte.
    La regola è chiara. Siamo tutti nello stesso tempo vittime e carnefici di noi stessi e degli altri.
    Benvenuti a Morte Frontiere…

    “per abitare in quest’isola bisogna avere qualcosa da nascondere….”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: